sabato 19.08.2017  20.25
La Banca dell'energia pulita

 

 

Con la Federazione Marchigiana Banche di Credito Cooperativo e Legambiente Marche, un anno di finanziamenti alle energie pulite.

Grande successo ad oltre un anno dalla firma da parte della Federazione Marchigiana BCC e Legambiente Marche, della "Convenzione-quadro regionale per la diffusione delle fonti di energia rinnovabile" con quasi 100 richieste di finanziamento. Quest' accordo è stato fin da subito adottato su tutto il territorio regionale, grazie anche a convenzioni tra tutte le 19 Banche di Credito Cooperativo Marchigiane e Legambiente Marche, dimostrandosi uno strumento duttile, in grado di favorire interventi di varia natura, dalle caldaie a condensazione agli impianti fotovoltaici a quelli di geotermia.

Un aspetto, quest'ultimo, molto importante, perché consente di favorire le reali vocazioni energetiche ed economiche dei singoli contesti territoriali nei quali la convenzione è attiva. Inoltre la duttilità è dovuta anche al fatto che la Convenzione è rivolta sia a singoli cittadini che ad imprese ed enti.

La convenzione prevede finanziamenti a tassi vantaggiosi fino ad importi pari a 150.000 euro a rimborsi rateali della durata massima di 10 anni con tempi brevi di istruttoria delle pratiche.

Il tasso applicato, variabile, è agganciato all'Euribor 6 mesi, maggiorato di uno spread di 0,75 punti. Sono inoltre previsti finanziamenti fino ad un massimo di 20 mila euro per interventi didattici nella formazione professionale degli addetti al fine di migliorarne le conoscenze.

I progetti valutati positivamente da Legambiente Marche sono stati 66 per il 2007 ed hanno registrato un notevole incremento ad inizio 2008, per un totale di circa 4 milioni di euro di investimenti.

I contatti per il finanziamento hanno riguardato circa 55 interventi di installazione di fotovoltaico, una decina di solare termico, 10 interventi di efficienza energetica (sostituzione di caldaie tradizionali con caldaie a condensazione, coibentazione di edifici, pavimenti radianti, ecc.).

Alcune richieste di finanziamento hanno compreso interventi di altra natura.

Il 65% degli interventi sta riguardando quindi il solare fotovoltaico. Questo risultato positivo è favorito dal Decreto Ministeriale Conto Energia che rende questo tipo di interventi particolamente vantaggiosi a livello economico.

Si può stimare che grazie all'accordo tra Legambiente Marche e le BCC Marchigiane saranno installati quasi 600 kWp di impianti fotovoltaici (di cui molti già completati) per un risparmio di quasi 400 tonnellate di CO2.

Gli interventi di efficienza energetica oggi sono economicamente agevolati dalla Finanziaria 2008 che prevede un recupero dell' investimento sostenuto attraverso Irpef fino al 55% con rate da 3 a 10 anni.

"Oggi nelle Marche c'è molta attenzione verso le energie pulite- ha detto Luigino Quarchioni, Presidente di Legambiente Marche. Il grande numero degli interventi nel corso del 2007 è un indice significativo delle tendenze del mercato delle fonti rinnovabili e suggerisce che bisogna prestare molta attenzione a questo particolare settore.

Purtroppo però la politica regionale va molto a rilento. Chiediamo ai politici della Regione Marche di accelerare e rendere più efficace l'applicazione del PEAR (Piano Energetico Ambientale Regionale)".

"Le Banche di Credito Cooperativo - ha sottolineato Bruno Fiorelli, Presidente della Federazione Marchigiana BCC - hanno scelto di mettersi al servizio dell'ambiente e dell'ecologia attraverso forme di credito che incentivano le buone pratiche di privati ed imprese, per un forte ed incisivo impulso alla diffusione delle fonti energetiche rinnovabili".

Il risultato finale dovrà essere quello di inquinare meno, in linea con quanto previsto dal Protocollo di Kyoto e appunto dal PEAR per la riduzione dei gas serra, e al tempo stesso, effetto niente affatto trascurabile, di trovarsi sensibilmente ridotte le proprie bollette energetiche e la dipendenza dal petrolio anche per generare nuova economia.

A seguito dell’accordo con Legambiente Marche la Federazione Marchigiana BCC ha sottoscritto a fine 2007 con la Confartigianato Imprese Marche un protocollo d'intesa volto a promuovere la diffusione delle energie rinnovabili consapevoli che la loro promozione costituisca per il territorio in cui operano i propri Associati un elemento decisivo per uno sviluppo responsabile ed una crescita del bene comune.

Le modalità per la richiesta del finanziamento sono semplici e presentano tempi brevi: il cliente deve comunicare la tipologia dell'impianto che intende realizzare all'installatore/impiantista associato alla Confartigianato, che predisporrà un progetto di massima dell'investimento.

Il progetto di massima del cliente sarà trasmesso via fax alla BCC interessata, che provvederà a fissare un incontro entro un termine massimo di 7 giorni.

La BCC si impegna, dopo l'incontro con il cliente, a realizzare l'istruttoria del finanziamento entro 10 giorni (compreso il parere di Legambiente Marche in merito alla fattibilità tecnica ed alle aspettative di innovazione dell'investimento).

"Sono numerose le iniziative già avviate dalle Banche di Credito Cooperativo delle Marche a favore del risparmio energetico della diffusione di energie rinnovabili e della salvaguardia ambientale - ha dichiarato il Presidente della Federazione Marchigiana Banche di Credito Cooperativo, Bruno Fiorelli - e l'accordo con la Confartigianato rappresenta una ulteriore prova dell'impegno delle BCC nella costruzione di uno sviluppo nei territori durevole e responsabile".

 


© 2017 Federazione Marchigiana Banche di Credito Cooperativo P.IVA 00258690429 - web by dagomedia