martedì 23.01.2018  08.55

26.05.2003 - Comunicato stampa

IMPORTANTE ACCORDO TRA LA CNA E LE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO
Lo scopo: lo sviluppo delle piccole e piccolissime aziende del Piceno

ASCOLI - Un obiettivo comune: supportare la crescita delle piccole e piccolissime aziende. Con questa finalità la Cooperativa Picena, la cooperativa di garanzia della CNA, e le tre Banche di Credito Cooperativo della provincia di Ascoli Piceno hanno sottoscritto un’importante intesa finalizzata ad agevolare l’accesso al credito alle imprese. I presidenti della Banca Picena Truentina Credito Cooperativo Gino Gasparretti, della Banca di Credito Cooperativo Picena, Luigi Silvestri, della Banca di Credito Cooperativo di Ripatransone, Michelino Michetti insieme ai vertici della CNA provinciale di Ascoli ovvero il presidente Algeo Marcozzi, la direttrice Maria Desirée Basili, il neopresidente della Cooperativa Artigiana di Garanzia Giuseppe Brutti, il direttore Massimo Capriotti ed i consiglieri Paolo Tappatà, Stefano Pagliaretta ed Enrico Ciaffardoni si sono riuniti a Centobuchi per sottoscrivere un accordo che permetterà la creazione di nuove imprese nonché l’attuazione di piani di investimento in quelle già esistenti con ripercussioni positive sui livelli occupazionali. L’intesa sottoscritta prevede la concessione di prestiti bancari con tassi particolarmente agevolati. Facilitazioni sono state contemplate anche per la concessione di finanziamenti con l’utilizzo del fondo anti usura. La CNA è l’associazione di categoria che rappresenta un settore importantissimo per il sistema economico della provincia di Ascoli come quello della piccola e piccolissima impresa. Un sistema di aziende che rappresenta la "spina dorsale" dell’imprenditoria del Piceno, ma che ha bisogno di strumenti finanziari adeguati per crescere. Una esigenza prontamente recepita da parte delle Banche di Credito Cooperativo della provincia di Ascoli Piceno che hanno confermato il loro ruolo tradizionale di attenzione e sensibilità nei confronti dell’economia locale e delle sue problematiche. Sia la CNA che le Banche di Credito Cooperativo potranno contare sulla diffusione capillare delle proprie strutture, sulle tempestive ed approfondite informazioni di cui dispongono relativamente alle situazioni locali e sulla maggiore disponibilità rispetto ad altre istituzioni a concedere alle micro-imprese crediti e fiducia. Caratteristiche comuni che costituiscono per la CNA e per le Banche di Credito Cooperativo della provincia di Ascoli un indiscusso vantaggio competitivo. "Una sorta di "affinità elettiva" che potrà rappresentare un ottimo elemento sul quale fondare lo sviluppo dell’intero territorio - ha detto il presidente della CNA della provincia di Ascoli Algeo Marcozzi - in quanto le aziende potranno contare su un valido "partner" per i loro progetti tenendo conto della funzione stessa delle Banche di Credito Cooperativo pronte ad offrire prodotti e servizi rispondenti alle esigenze delle piccole e piccolissime aziende". "L’accordo appare in linea con l’attività svolta dalle nostre banche - ha detto Gasparretti presidente della Banca Picena Truentina - che raccolgono ed investono sul territorio di competenza". "La presenza capillare della rete degli sportelli delle Banche di Credito Cooperativo è testimoniata dai numeri - ha detto il presidente della Banca Picena di Credito Cooperativo Silvestri - infatti le nostre aziende di credito riescono a coprire ben 68 comuni sui 73 complessivi della provincia di Ascoli". "L’accordo - ha detto Michetti presidente della Banca di Credito Cooperativo di Ripatransone - riuscirà a soddisfare le sempre crescenti richieste che riceviamo dalle piccole e piccolissime aziende che rappresentano il nostro target di clientela". "E’ importante consolidare i rapporti tra la nostra Cooperativa Picena della Cna - ha detto il presidente Giuseppe Brutti - ed il sistema delle Banche di Credito Cooperativo che si dovranno concretizzare comunque con una sempre maggiore celerità nella concessione dei mutui alle piccole e piccolissime aziende". "Non è una semplice convenzione - ha detto la direttrice provinciale della CNA Maria Desirée Basili - ma una fusione di culture su come deve essere gestito il credito attraverso un corretto e proficuo scambio di informazioni e di conoscenze". "Per noi, la firma dell’accordo rappresenta un momento importante - ha detto Massimo Capriotti direttore della Cooperativa Picena di garanzia della Cna - in quanto ci permette di operare con banche che hanno caratteristiche gestionali adatte a soddisfare le esigenze della piccola e piccolissima azienda".



© 2018 Federazione Marchigiana Banche di Credito Cooperativo P.IVA 00258690429 - web by dagomedia